Dai thriller alle storie d’amore, ai romanzi autobiografici, ecco la Top Ten dei libri da leggere quest’estate per le vostre avventure sotto l’ombrellone.
Infatti, leggere è senza dubbio uno dei modi migliori per trascorrere le ore di relax. Ecco perché prima di partire per le vostre vacanze è necessario scegliere bene che libri portarsi dietro. Per aiutarvi nella scelta tra i milioni di titoli presenti sugli scaffali delle librerie abbiamo selezionato una Top Ten di libri da leggere e da portare in vacanza senza timore di sbagliare.
Vediamoli insieme.

Solo per vederti felice di Rosario Pellecchia

Si tratta di un romanzo autobiografico di una delle voci più amate della radio italiana, il mitico Ross di Radio 105 che dal 2001 conduce in coppia con Tony Severo il seguitissimo programma 105 Friends.
Il romanzo racconta la vita di Ross che ha poco più di quarant’anni, vive a Milano e conduce il programma del mattino in una radio nazionale. La sua vita scorre senza grossi intoppi, tra la diretta quotidiana, il suo migliore amico ossessionato dalle ragazze, le sedute dall’analista e una storia appena iniziata con Sara.
Il protagonista vive una vita serena e di successo con una buona dose di superficialità fino al momento in cui un giorno riceverà una chiamata da sua sorella che lo informa del peggioramento delle condizioni della loro anziana madre, malata da tre anni di demenza senile. La sorella lo avverte che nel mese di agosto toccherà a lui occuparsi della madre malata, così Ross è costretto a partire per la sua città natale: Castellammare di Stabia.
La convivenza con sua madre si rivela fin da subito molto complessa e sofferta. Le sue domande incessanti e sconclusionate lo sottopongono a una dura prova, tanto da indurlo a mettere in pratica un’idea alquanto bizzarra…
Tra colpi di scena, situazioni tragicomiche, momenti di struggente tenerezza e un finale a sorpresa, Ross tenterà di restituire a sua madre un barlume di felicità. E facendolo si renderà conto di essere diventato una persona migliore.
Si tratta di un romanzo molto profondo, che insegna ad affrontare momenti difficili e spesso indicibili con un coraggio che solo chi sa sorridere anche nelle difficoltà è in grado di sfoderare.

Osa vivi ama di Estelle Maskame

Questo testo racconta di un amore che si stoppa sul nascere. Non per volere dei due coinvolti ma semmai per colpa del destino crudele.
MacKenzie Rivers conosce bene l’impatto che una morte può avere sulle persone perché ha provato questo indicibile dolore in prima persona.
Così quando Jaden, il ragazzo che le piace tantissimo e con cui si sta quasi fidanzando seriamente, perde i suoi genitori in un incidente d’auto, MacKenzie deciderà di proteggere se stessa, dandosela a gambe.
Una sera, però, i due ragazzi si incontreranno per caso dopo mesi in cui non si sono nemmeno intravisti. Prima ancora che MacKenzie se ne renda conto, i sentimenti riemergono più forti che mai.
E’ uno dei libri da leggere assolutamente se siete persone romantiche. Un libro che parla innanzitutto di solidarietà, che alla fine altro non è se non l’amore in nuce.

Sotto le lune di Giove di Anuradha Roy

Questo romanzo ci porta in un’India mistica dove la storia di tre donne in vacanza si intreccia con quella di una ragazza misteriosa. Si tratta di un romanzo aspro ed inesorabile sulla religione, sull’amore e sulla violenza nel mondo contemporaneo. Ambientato in una terra profondamente spirituale e affascinante, Sotto le lune di Giove è uno dei libri da leggere consigliati per quest’estate.

Il maestro del silenzio di Giulio Massobrio

Un altro dei libri consigliati di questa Top Ten è un thriller ambientato a Genova, alla vigilia della Conferenza Internazionale per il Mediterraneo a cui parteciperanno gli esponenti politici di numerosi Paesi impegnati nello sviluppo e nella cooperazione. Ma sulla “Superba”, storico approdo e luogo di pacifici scambi, incombe la minaccia di un terribile attentato.
A indagare è chiamata l’Unità Zero di “Mimo”, agente scelto che si rivela in ogni occasione un abile trasformista dalle mille identità. Tra spericolati rovesciamenti di fronte, infiltrazione delle organizzazioni integraliste e gestione di fonti altamente confidenziali, Mimo e la sua squadra dovranno fare i conti con un nemico tanto agguerrito quanto ingegnoso nel tessere inganni invisibili.
Si tratta di un thriller nostrano che tuttavia non ha nulla da invidiare alla suspense e ai colpi di scena dei libri di questo filone assiepati di agenti della CIA e del FBI.

L’appeso di Conakry di Jean-Christophe Rufin

Tra i libri da leggere assolutamente se siete appassionati di gialli vi è L’appeso di Conakry di Jean-Christophe Rufin, ambientato tra atmosfere tropicali ed intrighi internazionali.
Questo testo racconta di Aurel Timescu, Console di Francia con accento rumeno ed un’aria un po’ troppo anni Trenta a cui vengono affidati sempre incarichi di second’ordine nonostante l’alta carica. Questa situazione lo porterà in Africa, proprio lui che odia il caldo. Qui l’atmosfera, sia meteorologica sia esistenziale, si rivela per lui insopportabile fino a che un giorno avverrà qualcosa che smuoverà definitivamente la sua passione e lo toglierà dal pantano di abulia e disinteresse per tutto e tutti in cui era finito: un delitto inspiegabile, un mistero che sembra indecifrabile e che toccherà proprio a lui risolvere, per dare una mano alle autorità francesi che brancolano nel buio.

Red Girls di Kazuki Sakuraba

Questo racconto parla di Manyo, un’orfana nata con l’abilità di profetizzare, come una novella Cassandra. Viene adottata dalla ricca e potente famiglia Akakuchiba e ne sposa in seguito l’erede. Nel corso della sua vita avventurosa non rivelerà mai le sue predizioni sul futuro, inclusa quella della prematura morte del suo primo figlio.
Red Girls mescola insieme elementi di realismo magico e di mistero, omaggiando apertamente Cent’anni di solitudine di Gabriel García Márquez.
Si tratta di uno dei libri da leggere consigliati se amate le donne, la femminilità, il matriarcato ed il potere dello Yang.

La felicità è un tè con te di Mamen Sanchez

In questo caso ci troviamo davanti ad una commedia romantica che con intelligenza, garbo e stile impeccabile si tinge, pagina dopo pagina, di mistero e travolgente ironia.
La storia parla del giovane Atticus Craftsman, rampollo di una delle più importanti famiglie dell’industria editoriale inglese. Improvvisamente sparisce dopo che suo padre lo aveva inviato in Spagna per rimediare alle perdite rovinose che la rivista Librarte stava causando al gruppo. Ma a pochi giorni dal suo arrivo a Madrid, armato dell’inseparabile bollitore elettrico e ingenti quantità di tè (rigorosamente Earl Grey), di Atticus si è persa ogni traccia. Le ultime ad averlo visto in carne e ossa sono proprio le cinque donne impiegate nella rivista: la saggia e solitaria Berta, la dolce Gaby, la malinconica Asunción, l’irrequieta María e la bella Soleá. Su di loro comincia a indagare l’impacciato ispettore Manchego che si trova a fare i conti con cinque sospettate molto diverse tra loro ma tutte disposte a fare qualsiasi cosa pur di salvare il proprio posto di lavoro. Tra risate, azione e colpi di scena, il destino della rivista Librarte e delle sue cinque impiegate sarà quindi legato a doppio filo con quello del giovane Atticus.

La città è dei bianchi di Thomas Mullen

Questo romanzo racconta del Sud della città di Atlanta del 1948, anno in cui per la prima volta a otto afroamericani fu concesso di arruolarsi nelle forze di polizia per pattugliare i quartieri abitati dalla propria gente. Da questo dato storico, Mullen prende spunto e inventa due personaggi profondamente umani: gli agenti Lucius Boggs e Tommy Smith. Questi sono i nomi dei due poliziotti che, in quanto afroamericani, non sono autorizzati come gli altri sei colleghi a guidare un’auto di pattuglia né a mettere piede negli uffici della centrale né ad arrestare i bianchi. Quando però in un giorno di luglio una giovane ragazza di colore viene uccisa e gettata in una discarica, Boggs e Smith reagiscono all’indifferenza dei vertici della polizia avviando un’indagine clandestina.
Si tratterà di una decisione temeraria, in aperta sfida alla legge vigente dei bianchi che segnerà una rivoluzione importante.

Diario di bordo di Angelo Magnano

Questo testo parla del Capitano, il giovane protagonista di questa fiaba di mare la cui vita è fatta di poche, semplici cose: la sveglia all’alba, il profumo del caffè al mattino, il sorriso dolce di Nonna Lucia, la pesca al porto di Siracusa, le pedalate nelle vie affollate di Ortigia, gli odori e i sapori della sua amata città. Però c’è stato un tempo, non molti anni prima, in cui il Capitano solcava le onde con il suo Poseidone, un tempo in cui spingersi sempre più al largo con la sua barca lo rendeva felice, lo faceva sentire vivo come un moderno Ulisse, assetato di avventura e di conoscenza. Dal giorno terribile in cui il suo primo amore, il mare, gli si è rivoltato contro, però, tutto è cambiato a partire da lui. Per lenire il dolore del tradimento del suo amore è finito con il voltare le spalle alla sua passione più grande.

Sapore amaro di Anita Nair

Infine, l’ultimo dei libri consigliati di questa Top Ten è Sapore amaro di Anita Nair, un testo che racconta di come in un limpido lunedì di ottobre Srilakshmi, brillante scrittrice trentacinquenne e docente di zoologia, si toglie la vita. Sembra che nessuno conosca il motivo del suo gesto. Tutti parlano di lei e di quello che è accaduto. Tutti tranne Markose, un suo vecchio amore che le aveva tolto la dignità e che ora vuole portarsi via anche un pezzo della sua anima.
Cinquantadue anni dopo, in un resort sul fiume Nila, si intrecciano i destini di donne diverse per età, provenienza e cultura. Urvashi, giornalista di successo con un matrimonio ormai esausto, è nel resort per sfuggire a un ex amante che non accetta la fine della loro relazione. Qui incontra Najma, celata sotto un burqa, sfregiata con l’acido per aver rifiutato una proposta di matrimonio e privata per sempre del proprio volto e dell’amato lavoro di insegnante. Per scappare al proprio orco, Megha invece – che ha solo sei anni – trova riparo all’interno di un vecchio armadio in una stanza del resort. Ma proprio in quell’armadio è rimasta intrappolata l’anima di Srilakshmi che non trova pace: la sua storia, il sapore amaro di una passione appena assaggiata ma che non può essere vissuta liberamente, racchiude e simboleggia la lotta e la resistenza di tutte le altre.
Si tratta di un romanzo intenso ed emozionante in cui racconta la condizione femminile in India, attraverso vite di donne spesso segnate dal dramma e dalla violenza. Ma anche capaci di rialzarsi e rinascere come ogni donna, qualsiasi sia la latitudine e l’epoca in cui si trova.