Ecco alcune soluzioni su come arredare una cucina piccolissima e stretta oppure una cucina con soggiorno in un ambiente unico.

Come arredare una cucina piccolissima

Arredare una cucina piccolissima e stretta può rappresentare un’interessante sfida per chiunque. La particolare conformazione dello spazio disponibile può essere un problema; allora una soluzione sarà il maggior sfruttamento dello spazio verticale, oppure la realizzazione di un open space, in cui convertono la zona cucina ed il soggiorno.

In uno spazio abitativo dalle dimensioni non modificabili come può essere una cucina piccolissima stretta e lunga, progettare e studiare le diverse soluzioni adottabili è il primo passo.
In primo luogo, le dimensioni ridotte non devono compromettere in partenza la possibilità di creare un piccolo angolo dove consumare la colazione od un pasto veloce.

Cucina lineare

La risposta più semplice ad uno spazio che si sviluppa in lunghezza è la cucina in linea, disponendo su di un solo lato la colonna con i pensili ed i mobili.
Con un arredamento con una cucina lineare, saranno sufficienti due metri di lunghezza per avere gli elementi più importanti quali frigorifero, forno ed una cassettiera.
Completeranno l’ambiente il piano cottura con 4 fuochi, lavello ed un piccolo spazio per preparare i piatti.
L’accesso alla stanza sarà dunque agevole mentre sul lato opposto un tavolino ribaltabile, come piano d’appoggio per la colazione e due seggiole richiudibili, renderanno usufruibile l’ambiente quando il tempo per consumare il pasto sarà breve.

Arredare la cucina piccolissima con una penisola

In caso di spazio maggiore, una zona dove poter mangiare in due dopo aver cucinato, può essere realizzata mediante una penisola nella parte finale della stanza, verso la finestra.
La penisola può essere utilizzata anche come piano lavoro o come come piano di appoggio, e può avere la funzione di suddividere la zona cottura/lavoro dal soggiorno.

Il piano curvilineo rende vivibile la cucina; oltre a poter appoggiare un piccolo elettrodomestico, si potrà collocare una televisione a schermo piatto di 20 pollici nell’angolo.

Quale tavolo scegliere per arredare questo tipo di cucina?

La scelta del tavolo migliore per arredare la cucina è legata alla sua funzionalità.
Se occorre un semplice piano d’appoggio per colazione e pasti, quando nella casa si vive da soli o in coppia, può bastare un semplice tavolino richiudibile contro la parete.

In commercio sono diversi i modelli pratici, con un’anta a muro che permette di alzarlo ed abbassarlo con un semplice gesto.
Due seggiole richiudibili in legno, per una soluzione elegante, o in plastica, più economica e leggera, risolvono in un attimo il problema.
Per cucine lunghe, una soluzione potrebbe essere un tavolo lineare appoggiato al muro.
Le sedie collocate, unicamente su un solo lato, dovranno essere semplici e leggere, in maniera che possano essere spostate, in caso di necessità, in altra stanza, come quandosi decide di organizzare una festa sul terrazzo e vi mancano le sedute.
Nel caso si debbano aggiungere in talune occasioni dei posti in più, sgabelli e sedie piegabili saranno ideali.

Come arredare una piccola cucina con soggiorno in un ambiente unico

Le case e gli appartamenti negli anni sembrano divenire sempre più piccole in termine di metri quadri e numero di stanze, tanto che sorge spesso l’esigenza di sfruttare gli ambienti il meglio possibile, a volte combinando soluzioni e fondendo ambienti con le famosissime idee open space.

Vediamo, adesso, alcuni suggerimenti su come arredare una piccola cucina con soggiorno in un unico ambiente.

Come fondere ambienti diversi

Per amalgamare ambienti strutturalmente diversi possiamo sfruttare i richiami cromatici, come ad esempio i colori di elementi d’arredo o delle stesse pareti che si allineano verso una bicromia o tricromia comune.

Non serve per forza essere precisi nell’integrazione cromatica ma più ci allineiamo e più riusciamo a dare il senso di ambiente comune ed unico, viceversa sembreranno sempre ambienti separati e uniti per esigenze e non per stile.

Mobili della cucina in fusione con il soggiorno

Tutti oramai abbiamo in mente le nuove varianti di salotto, quei mobili che dalle differenti colorazioni si allineano e si intrecciano sulla parete per ospitare televisore e altri accessori.
Ecco, immaginate esattamente quella disposizione di cui però una parte di essi si estende fino ad arrivare a formare i piani della cucina.
Si tratta di una fusione perfetta tra i due ambienti che non da fastidio, anzi offre valore all’ambiente unico.

Arredare la cucina con soggiorno usando una penisola come tavolo e divisorio

La penisola in uno spazio open space è un punto fondamentale per la gestione corretta degli spazi.
Un divisorio perfetto consente di separare l’angolo cottura dall’angolo relax salotto, senza però creare delle forti interruzioni visive e pratiche.
La penisola svolge proprio questo lavoro ed in ambienti molto piccoli possiamo sfruttarla anche come punto di appoggio per la colazione o per pranzo e cena.
Ancora può essere anch’essa oltre che punto di lavoro, una parte della casa dedicata a momenti di relax con i propri amici o compagno/a accompagnando il tutto con un buon calice di vino ed un piccolo aperitivo.