Come deve essere un sito web nel 2022

15

Avere un sito web nel 2022 è praticamente un passaggio obbligato per qualsiasi libero professionista o impresa che vuole trovare nuovi clienti tramite il web. Sul mercato ci sono migliaia di freelance e web agency che propongono la realizzazione di siti web per tutte le esigenze: dal classico sito “vetrina” a quello con particolari funzionalità, fino agli e-commerce.

In questo articolo vogliamo elencare le principali caratteristiche che lo sviluppatore di un sito web dovrebbe tenere in considerazione per ottenere i massimi risultati.

Il sito web deve essere responsive

Con questo termine si indica la capacità, da parte di un sito internet, di adattarsi a qualsiasi schermo di smartphone o dispositivo mobile, per far sì che l’utente possa visitare le pagine e visualizzare testo e immagini nel migliore dei modi.

Chi si occupa di marketing digitale lo sa bene: già da qualche anno gli utenti che navigano nel web da smartphone durante la giornata hanno superato in termini percentuali coloro che ancora ricorrono al computer o il notebook.

Avere un sito che si vede male da telefonino è un errore non più perdonabile. Detto in altri termini, se una persona visita per la prima volta un sito e lo ritiene poco usabile da smartphone, ci metterà pochi secondi per tornare indietro e cercarne uno migliore!

Un sito facile da navigare

Rendere un sito web responsive è soltanto il primo tassello della cosiddetta “user experience”, vale a dire di quel processo che rende un sito capace di fornire le risposte alle domande di chi lo visita.

Un altro aspetto da considerare è appunto l’usabilità, vale a dire l’organizzazione interna del sito per mostrare più velocemente e meglio le informazioni dell’azienda che rappresenta.

Ad esempio, un sito di un albergo deve mettere in evidenza i dati di contatto e il form per simulare velocemente una prenotazione. In questo modo l’utente capirà in pochi secondi se c’è posto nelle date desiderate e quanto costa il soggiorno.

La user experience, quindi, è qualcosa che va al di là della grafica accattivante e di un web design in linea con la mission aziendale. Certo, scegliere le immagini e i colori giusti è fondamentale, ma lo è ancor di più facilitare l’interazione attraverso un form di contatti ben in vista o evidenziare i punti forti dell’azienda in prima pagina.

Massima attenzione all’ottimizzazione SEO

Ormai anche i neofiti del web si rendono conto del fatto che un sito, per essere facilmente trovato, deve essere visibile sui motori di ricerca. Tradotto in termini pratici significa che se faccio il grafico a Torino, l’ideale sarebbe che il mio sito uscisse in prima pagina su Google per le parole chiave “grafico Torino”.

L’attività necessaria per ottenere questi risultati si chiama SEO, un acronimo che sta per “Search Engine Optimization” e viene svolta da professionisti che conoscono tutte le tecniche necessarie per spingere un sito sui motori di ricerca.

Tra le regole da seguire per fare una buona SEO c’è quella di produrre dei contenuti ottimizzati e avere un sito veloce. Da qualche tempo, infatti, Google premia i siti con velocità di caricamento ridotte e penalizza le pagina web che impiegano tanti secondi per caricarsi.