Malocclusione dentale: perché è importante correggerla

14

Quando si parla di malocclusione dentale si fa riferimento ad una particolare condizione nella quale i denti dell’arcata superiore non sono allineati perfettamente con quelli che si trovano nell’arcata inferiore.
Ma perché è importante correggere per tempo questa occlusione dentale errata? In primo luogo questa condizione causa evidentemente degli importanti problemi alla bocca, ad esempio una cattiva masticazione, la quale comporta dei seri problemi nell’atto della masticazione, con conseguenti difficoltà di digestione dei cibi. Ma questo non è tutto. Infatti, il disallineamento dei denti comporta tutta una serie di problemi, anche piuttosto seri, che non sono direttamente collegati alla digestione.
Tra questi è possibile incorrere, ad esempio, a problemi uditivi, frequenti e forti mal di testa ma anche importanti dolori alla schiena.
Soltanto un’accurata ed attenta visita odontoiatrica specialistica sarà in grado di rilevare questo problema e ne valuterà l’entità considerando quale potrebbe essere la possibile terapia risolutiva.

Quali sono i campanelli d’allarme a cui dover fare attenzione?

I problemi che fanno riferimento alla malocclusione dentale sono davvero molti e, come già precedentemente accennato, non sempre riguardano esclusivamente la propria bocca ma possono coinvolgere anche altri organi ed altri apparati, dunque non è semplice individuare quando ci troviamo davanti ad una occlusione dentale errata.
In ogni caso, quando questa mal occlusione è piuttosto accentuata è possibile incorrere in importanti problemi di masticazione con dolori alla mandibola, affollamento dei denti ed una particolare predisposizione nello sviluppo delle carie, delle gengiviti ed anche delle parodontiti. Inoltre, si avrà una certa tendenza alla respirazione attraverso la bocca alla quale seguiranno come conseguenza la secchezza della gola e delle fauci.

In particolare, poi, un allineamento errato dei denti comporta carichi errati sulla mandibola soprattutto durante la masticazione o nel corso della notte quando si serrano i denti portando un dolore temporo-mandibolare in grado di scatenare dolori cervicali, cefalee ma anche ronzii all’orecchio e persino importanti dolori alla colonna vertebrale.

Vi sono dei casi ancora più gravi nei quali la malocclusione dentale coinvolge addirittura l’apparato respiratorio portando a soffrire di tosse cronica, sinusiti, ma anche asma e bronchite cronica.

Infine, le difficoltà della masticazione possono portare anche a problemi legati all’apparato gastrointestinale provocando disturbi non trascurabili.

Un discorso a parte, poi, deve essere riservato anche all’aspetto estetico: la mal occlusione dentale comporta, inevitabilmente, un sorriso non armonioso ed un viso asimmetrico.

Come si agisce in caso di malocclusione dentale

Come si è già accennato prima, soltanto un’attenta ed approfondita visita odontoiatrica sarà in grado di individuare la gravità del problema e di valutare come intervenire al meglio per risolvere il problema.
Solitamente, nel corso della prima visita vengono eseguiti alcuni esami approfonditi che riguardano lo stato di salute generale della bocca.
Solitamente, questo allineamento errato dei denti viene poi “aggiustato” con degli apparecchi odontoiatrici i quali saranno in grado di risolvere questo problema.
Nei casi più gravi, invece, potrebbe esserci la necessità di un intervento chirurgico di estrazione. In ogni caso, sarà sempre il dentista a valutare quale sia la strada più corretta da seguire per risolvere al meglio il problema.