Passaggio di proprietà auto: 5 cose da sapere

34

Il passaggio di proprietà auto è una delle pratiche amministrative più comuni.

Attraverso la richiesta di una Visura PRA (Pubblico Registro Automobilistico), è possibile ottenere informazioni essenziali riguardanti il veicolo e i suoi proprietari registrati presso l’ente competente.

Prima di procedere al passaggio di proprietà dell’auto, è di estrema importanza effettuare una visura al fine di verificare la conformità del veicolo e accertarsi di aspetti cruciali come la responsabilità civile in caso di incidenti o furti, nonché le imposte da corrispondere.

Tuttavia, è importante tenere presente che le Visure Aci PRA sono disponibili solo se il veicolo è registrato nel database giuridico stabilito dalla legge n. 187 del 1990.

Inoltre, ci sono altre 5 cose che devi necessariamente conoscere prima di avviare questa procedura burocratica. Vediamole in maniera dettagliata!

1. Pagamenti richiesti

Come è facilmente intuibile, il trasferimento di proprietà auto non è gratuito. Pertanto, è necessario affrontare una serie di spese. Di solito, si devono pagare:

  • 27 euro per le tasse amministrative ACI
  • 32 euro di imposta di bollo per la registrazione dell’atto di compravendita presso il PRA
  • 10,20 euro per i diritti presso l’Ufficio della Motorizzazione Civile
  • 16 euro per l’aggiornamento del Libretto di Circolazione

È importante ricordare che il passaggio di proprietà dell’auto è un obbligo di legge. Se si decidesse di violare tali regole o di non pagare le somme sopra indicate, si rischia di ricevere una multa considerevole, che può variare da circa 700 euro a oltre 3000 euro, in base a quanto stabilito dall’articolo 94 del Codice della Strada.

2. Documenti da allegare

Oltre al pagamento delle tasse, per completare il trasferimento di proprietà è essenziale presentare alcuni documenti. Pertanto, è richiesto:

  • Il libretto di circolazione, che è indispensabile per la circolazione del veicolo (viene rilasciato presso l’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile).
  • Un Certificato di Proprietà Digitale (CDPD), rilasciato dal PRA, che attesta lo stato giuridico attuale del veicolo.
  • Il codice fiscale e la carta d’identità dell’acquirente.
  • Il documento d’identità del venditore.
  • Un modello di autocertificazione TT2119.

Questi sono i documenti essenziali, ma a volte potrebbero essere richiesti ulteriori documenti, a seconda della situazione specifica.

3. Visura della targa

Se hai l’intenzione di ottenere una serie di informazioni tecniche sul veicolo e sul proprietario attuale, ti consigliamo di effettuare una visura della targa.

In questo modo, potrai scoprire anche dettagli riguardanti leasing, finanziamenti, blocchi amministrativi e altro ancora. È importante notare che questa procedura riguarda esclusivamente le automobili e non altri tipi di veicoli non registrati nel sistema online del PRA.

Se per qualche motivo la targa non risulta presente, sarà necessario fare una richiesta tramite l’archivio cartaceo.

4. Individuazione dei veicoli registrati

Come abbiamo menzionato in precedenza, la consultazione della visura PRA riveste un ruolo essenziale per ottenere informazioni sulle caratteristiche di un veicolo.

Tale procedura viene effettuata online, consultando l’archivio del PRA. Esistono vari siti web che offrono assistenza in questo ambito, ad esempio Tutto Visure (il migliore in circolazione da diversi anni).

Effettuando questa pratica comodamente da casa, non è necessario recarsi fisicamente presso gli uffici del PRA. Inoltre, a causa della situazione legata al Covid, la maggior parte degli sportelli potrebbe non essere accessibile o offrire una disponibilità limitata al pubblico.

5. Individuazione dei precedenti proprietari

Uno dei passaggi essenziali prima di procedere al cambio di proprietà di un’auto è l’individuazione dei precedenti proprietari.

Questa operazione può essere effettuata personalmente attraverso una ricerca online, che fornirà una serie di informazioni riguardanti il proprietario attuale e tutti quelli che si sono susseguiti nel corso del tempo, a partire dalla prima registrazione del veicolo fino ad oggi.